ALESSANDRO DELJAVAN FARSHI – 1 marzo 2020

ALESSANDRO DELJAVAN FARSHI, pianoforte – Domenica 1 marzo 2020, ore 18.00
Auditorium San Barnaba, Brescia

Franz Schubert (1797-1828)
Due Scherzi D.593
n.1 in si bemolle maggiore
n.2 in re bemolle maggiore

Sonata in la minore op.143 D.784
Allegro giusto
Andante
Allegro vivace

Allegretto in do minore D.915

***

Umberto Galante
Dai Preludi dallo spazio: n. 3 “I fumatori”

Fryderyk Chopin (1810-1849)
Improvviso n. 1 in la bemolle maggiore op. 29
Improvviso n. 2 in fa diesis maggiore op. 36
Improvviso n. 3 in sol bemolle maggiore op. 51

Sonata n. 2 in si bemolle minore op. 35
Grave. Doppio movimento
Scherzo
Marcia funebre: Lento
Finale: Presto

Nato da madre italiana e padre persiano, Alessandro inizia lo studio del pianoforte prima dei due anni e debutta in pubblico all’età di 3 anni.

Si è esibito in tutto il mondo: Austria, Belgio, Cina, Colombia, Danimarca, Francia, Germania, Italia, India, Israele, Giappone, Corea del Sud, Polonia, Russia, Slovacchia, Svezia, Svizzera Stati Uniti e Cuba.

Dicono di lui critica ed importanti musicisti:

  • Scott Cantrell “Il pianista italiano Alessandro Deljavan ha reso il Secondo Concerto di Rachmaninov un’esperienza entusiasmante”
  • Fu Ts’ong, “è uno dei più interessanti pianisti che abbia mai sentito nella mia vita”
  • Dmitri Bashkirov “il suo approccio pianistico è ricco di forza intensa e contagiosa abilità artistica”
  • John Perry, “è uno dei più grandi talenti della sua generazione ed uno dei pochi pianisti che ascolterei a qualunque costo”

Alessandro Deljavan ha vinto importanti premi in concorsi fra cui: “Concours musical de France” (1° premio, Parigi,1996), Hummel Competition (2° Premio, Bratislava, 2005), G. Bachauer Young Artist Competition (5° Premio, 2005), Cliburn Competition (Premio della Giuria John Giordano, 2009), Isangyun Competition (2° Premio, Tongyeong, South Korea, 2010), and Cliburn Competition (Premio della Giuria Raymond E. Buck, 2013).

Alessandro si è esibilto con numerose orchestre fra le quali l’Orchestra del Teatro Mariinsky, Boston Philarmonic, Fort Worth Symphony Orchestra, L’Orchestra Sinfonica di Milano G.Verdi, Orchestra Sinfonica Leopolis, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, Slovak Philharmonic Orchestra, Changwon Philharmonic Orchestra, Wuhan Philharmonic Orchestra, Lithuanian Chamber Orchestra.

Ha avuto il piacere di collaborare con gruppi quali il Quartetto Takács, il Quartetto Sine Nomine ed il Quartetto Brentano. Collabora da anni con la violinista Daniela Cammarano con cui ha inciso per le etichette Aevea, Brilliant Classics ed Onclassical.

Alessandro è apparso in film e documentari quali ‘Franz Liszt: The Pilgrimage Years’ (RAI – Tv Italiana), ‘Virtuosity’ (Cliburn / PBS) e numerose dirette radio in tutta Europa.

Alessandro ha una discografia di oltre 50 album con etichette quali Stradivarius, Brilliant Classics, OnClassical, Aevea, Naxos, Tactus e Piano Classics.

Alessandro Deljavan è diplomato presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano e presso l’Istituto Musicale G.Braga di Teramo (Secondo livello).

Dal 2005 al 2013 è stato fra i sette giovani pianisti selezionati in tutto il mondo all Accademia Internazionale del Pianoforte del Lago di Como, seguendo le lezioni di W. G. Naboré.

Nel corso degli anni studia con V. Chiola, P. Lachert, R. Risaliti, E. Belli, E.Bagnoli, L. Berman, D. Bashkirov, L. Boullet, Fou Ts’ong, D. Merlet, J. Perry, M. Pressler e A. Staier.

Deljavan è attualmente docente di pianoforte principale presso il Conservatorio “Umberto Giordano” di Foggia.

Biografia artista